Territorio

 

Sulle boscose colline a Nord-Est di Firenze, a 18 km da questa città, nel cuore del “Chianti Rufina”, zona vitivinicola famosa fin dal Rinascimento, ad un’ altitudine variante fra i 200 ed i 400 mt. sul livello del mare, si trova la TENUTA BOSSI, che appartiene dal 1592 ai GONDI; nei suoi 315 ha. si coltivano vigneti, oliveti, boschi e cereali.

Leggi Ancora
Sulle boscose colline a Nord-Est di Firenze, a 18 km da questa città, nel cuore del “Chianti Rufina”, zona vitivinicola famosa fin dal Rinascimento, ad un’ altitudine variante fra i 200 ed i 400 mt. sul livello del mare, si trova la TENUTA BOSSI, che appartiene dal 1592 ai GONDI; nei suoi 315 ha. si coltivano vigneti, oliveti, boschi e cereali.
I terreni dell’azienda sono un misto di argille e galestri intervallati, che sono particolarmente adatti alla coltivazione della vite e dell’olivo. Le argille permettono una sufficiente riserva idrica per le piante, nelle assolate estati che caratterizzano la zona ed il galestro da calore e struttura ai prodotti. Per queste caratteristiche del terreno si hanno vini molto strutturati e che permettono loro una grande longevità abbinati a grandi profumi. Questi sono dovuti al fatto che, sebbene d’estate di giorno sia molto caldo e quindi si abbia una ottima maturazione, la notte essendo la zona molto vicina agli Appennini si hanno venti freschi, che permettono il loro mantenimento. Anche l’olio gode di queste caratteristiche acquistando grandi profumi, struttura, sapori ed una bassissima acidità.
Nei 18 ha. di vigneto viene prodotta uva Sangiovese, Colorino di un clone autoctono, che viene qui riprodotto da oltre 100 anni, Merlot, Cabernet Sauvignon, Trebbiano Toscano, Chardonnay e Sauvignon bianco. Queste uve, coltivate nel rispetto dell’ambiente e raccolte a mano, con particolare cura, vengono vinificate nelle antiche cantine a volta che si trovano nel sottosuolo della Villa e che sono accessibili da un portone posto sul davanti sotto il parco di alberi secolari.
Nei 32 ettari di oliveto sono presenti varie cultivar tradizionali della zona con circa il 70% di olivi di varietà Frantoio, ed il rimanente fra Moraiolo, Pendolino e Leccino. L’azienda si distingue in due zone di produzione la prima fra i 200 e i 300 metri s.l.m. sotto la villa caratterizzata da terreni più fondi che risentono meno dell’aridità estiva e del freddo invernale in cui si produce un olio più robusto.
Sopra la villa vi è l’altra zona fra i 300 e i 400 metri s.l.m caratterizzata da terreni più galestrosi ed aridi dove negli inverni più freddi può nevicare, qui viene prodotto un olio più fine e profumato.
In azienda vengono dunque prodotti due tipologie di olio extra vergine di oliva di grande pregio, fra cui il Laudemio.